Che cos’è HUT?

In soli due anni, il gruppo di lavoro di Assodel dedicato all’integrazione è diventato riferimento imprescindibile in Italia in questo settore, guadagnando la fiducia di imprese, professionisti e istituzioni

HUT è l’ultimo nato tra i gruppi di lavoro di Assodel. Prima di definire cosa sia, giova sottolineare il fatto che appartiene ad un’associazione che da oltre trent’anni dialoga con la gran parte delle aziende italiane di elettronica. Assodel (Federazione distretti elettronica – Italia), infatti, rappresenta oltre trecento aziende di elettronica, lighting e dal 2014 anche di Domotica.

Diciamo questo perché fin dalla nascita HUT può contare non solo su un pedigree di tutto rispetto, ma anche su un modo di fare e di procedere che ha radici antiche e che ha sempre prodotto risultati.  Assodel negli anni è cresciuta perché ha saputo creare concrete occasioni di crescita, contribuendo ad aumentare il mercato di riferimento. E scusate se è poco!

E HUT?

Tecnicamente è il gruppo di lavoro, nato nel 2014, dedicato alle soluzioni e tecnologie per la Home e Building Automation e si rivolge ad Aziende, System Integrator e Professionisti.

Parola d’ordine: integrazione

Nutriamo la consapevolezza che oggi non abbia senso organizzarsi intorno alle singole tecnologie, ma in base a come queste si comportano nel mercato.

La domotica per definizione è disciplina votata al dialogo tra tecnologie, perché non è altro che la centralizzazione della gestione e controllo delle funzioni automatizzabili.

E queste funzioni sono molto cambiate nel tempo, consentendo di integrare aspetti un tempo impensabili. Basti pensare oggi al processo di convergenza tra domotica e sicurezza, oppure all’integrazione della luce o del monitoraggio dei consumi.

Il suo mercato di riferimento è quello della riqualificazione (alcuni oggi amano dire rigenerazione) degli edifici, vera alternativa alla crisi strutturale del settore dell’edilizia, profondamente legato alla storia italiana e al centro di politiche di incentivazione di lungo periodo.

Che cosa si aspettano le oltre 30 aziende che aderiscono all’Associazione?

Oltre al dialogo con enti e associazioni (che le aziende da sole non possono ottenere), in estrema sintesi possiamo dire che si attendono opportunità di crescita, stimoli al mercato per una migliore ricettività, strumenti di analisi e una comunicazione che faccia capire quanto oggi queste tecnologie siano fondamentali per il benessere e la sicurezza delle persone. Ecco perché HUT agisce con due leve fondamentali: la formazione e la comunicazione.

Ed ecco quindi anche perché HUT ha al centro della sua azione l’installatore.

La formazione professionale è l’unico strumento capace di fare crescere in modo armonico e duraturo tutto il sistema, creando crescita per tutti i soggetti, non solamente per le aziende.

Vogliamo dare ai tecnici e ai professionisti gli strumenti migliori per cogliere le opportunità di un mercato in crescita. SmartPro è proprio questo. E anche gli eventi previsti per il 2017 nascono dalla consapevolezza che solo facendo sistema si può crescere bene.

CONDIVIDI LA PROFESSIONE
Loading Facebook Comments ...