Smart City: 65 milioni per trasformare le nostre cittĂ

Efficienza energetica, Banda Larga, Smart Grid e Big Data nel futuro delle Aree Metropolitane italiane. Una digitalizzazione delle cittĂ  che si estenderĂ  successivamente alle altre aree del paese.

Un nuovo modello di politica industriale

Per il Mise (Ministero dello Sviluppo Economico), le Smart City rappresentano il terreno ideale per sperimentare un nuovo modello di politica industriale con vantaggi non solo in termini di qualitĂ  della vita e contesto di business, ma anche di crescita, competitivitĂ  e occupazione.

Per questo motivo il Mise ha stanziato 65 milioni per un piano destinato a rivoluzionare l’urbanistica, la tecnologia e i servizi delle nostre cittĂ . Il programma ha due obiettivi principali:

  • trasformare gradualmente le CittĂ  in un luogo in cui i player piĂą innovativi potranno immaginare, sperimentare, introdurre le loro innovazioni, basandosi sulle esigenze di cittadini, imprese e amministrazioni, per poi estenderne rapidamente la fruizione attraverso un sistema di procurement facilitato
  • rendere il Paese attrattivo e ritentivo per le attivitĂ  di ricerca, sviluppo, prototipazione e industrializzazione di aziende italiane ed internazionali.

 “Le Smart City rappresentano un contesto favorevole alla sperimentazione di misure in grado di generare crescita e occupazione, perchĂ© è in esse che le tecnologie digitali possono incrociarsi con infrastrutture innovative, nuovi servizi e migliori sistemi di efficentamento energetico. SarĂ  possibile non solo generare un significativo impatto su qualitĂ  della vita, crescita economica ed occupazione, ma anche rendere l’Italia un paese attrattivo…” – Antonio Gentile, Sottosegretario di Stato con delega alle Smart City

In particolare, il programma mira a rafforzare la dotazione infrastrutturale delle Città, attraverso Smart Grid interconnesse con le infrastrutture di Banda Larga, e a potenziare la capacità dell’industria di rispondere ai fabbisogni di servizi innovativi espressi dalle Smart City, grazie a quartieri-pilota in cui verranno sperimentate soluzioni non ancora presenti sul mercato.

14 quartieri pilota

In una prima fase, infatti, il programma si concentrerĂ  a promuovere 14 quartieri pilota in altrettante CittĂ  Metropolitane, supportando:

  • lo sviluppo di servizi ed infrastrutture energetiche efficienti e connesse con la Banda Ultralarga, con particolare riferimento alle Smart Grid
  • la sperimentazione e la diffusione di servizi, soluzioni e dispositivi disegnati sulla base delle esigenze espresse dalle CittĂ .

“I quartieri-pilota, definiti d’intesa con le CittĂ  Metropolitane, consentiranno da un lato di promuovere Smart Grid di nuova generazione, facendo leva anche sui nuovi investimenti in Banda Ultra Larga; dall’altro di accelerare Servizi e Dispositivi Smart, anche attraverso la valorizzazione di Open e Big Data, generando un miglioramento della qualitĂ  della vita per i cittadini e del contesto operativo per le imprese. Un’ulteriore eccellenza che l’Italia potrĂ  esportare nel mondo” – Vito Cozzoli, Capo di Gabinetto del Mise

Integrazione e partnership istituzionale

l Ministero intende così promuovere processi di integrazione tra grandi corporation e realtà minori ma dinamiche, come Start-up, PMI e organismi di ricerca per rafforzare lo scenario di “innovazione aperta”.

Per raggiungere gli obiettivi prefissati, il Mise ha deciso di puntare su progetti pubblico-privati ben identificati e misurabili, sia nelle risorse occorrenti che nella loro sostenibilità , grazie anche ad un confronto continuo non solo con gli stakeholder privati, ma anche con le Città.

E’ prevista infatti una forte partnership istituzionale con l’Agenzia per la Coesione Territoriale, l’Associazione Nazione per i Comuni Italiani, la Conferenza delle Regioni. Una politica industriale unitaria, che vede anche il pieno e operativo coinvolgimento delle amministrazioni regionali attraverso la Conferenza delle Regioni, con la quale è giĂ  in corso un dialogo volto alla definizione di un percorso condiviso.

 

CONDIVIDI LA PROFESSIONE
Comments are closed.